December, 13, 2018, 09:12 mobile  ][  forums  ][  amdzone.it  ][  atizone.it  ][  enboard  ][  forumzone.it  ][  hwsetup.it  ][  nvidiazone.it  ][  unixzone.it 
 
 
 
Our Tags
Feed RSS
Sitemap
About us
Our History
Contact us
         your source for 3dfx and games
 
Home   ][   News   ][   Games   ][   Articles   ][   3dfx Hardware   ][   3dfx Software   ][   Video Cards   ][   Components   ][   Files Browser
 








 
Main

News
Headlines
Games
Articles
3dfx Hardware
3dfx Software
Video Cards
Components
Tools
Files Browser
Communities
Contact Us

3dfx Cards
Latest Headlines
Archived Headlines
3dfx Articles
3dfx Files Browser
Communities
Voodoo1
Voodoo2
Banshee
Voodoo3
Voodoo4/5
VoodooTV
Latest Drivers
Our Releases
Hot Files
 
Games Settings
 
Best Settings
 
TnL Patches
 
MesaFX
 
WickedGL
 
Glide 3x
 
Official FAQ
 
Just For Fun
 
Main menu
Components

Processors
Motherboards
RAM Memories
Video Cards
Audio Cards
HDDs/SSDs
Optical Burners
Web Connectivity
Drivers Index
Main menu

Video Cards

AMD/ATI
Matrox
NVIDIA
S3 Graphics
XGI
Main menu

Tools
3D-Analyze
Antivirus
Benchmarks
Data Recovery
Mastering
Screensavers
Video
File Sharing
Tweakers
Windows Tools
Uninstallers
Mobile Phones
Tools Index
Main menu
Games
Bonus Packs
Demos
DirectX
Latest MAME
Patches
Screenshots
PC Requirements
Trailers
Main menu
Communities
 
 16.06.2005   PLIO: la posizione sui brevetti software
 

(PLIO) 16 giugno 2005 – Il Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org (PLIO) esprime la sua forte preoccupazione in merito ai contenuti del dibattito Europeo sui brevetti software, che nel prossimo mese di luglio potrebbe veder approvata la Direttiva Europea denominata CII (Computer-Implemented Inventions) nella sua versione peggiore – approvata dalla Commissione Europea il 7 maggio 2004 – in aperto contrasto con gli emendamenti approvati dal Parlamento in prima lettura.

La direttiva CII, nella forma attuale, costituisce un rischio enorme per l'industria europea del software, poiché sommandosi al copyright (diritto d'autore), strumento da sempre utilizzato per la tutela degli investimenti e della "proprietà intellettuale" di chi produce software, espone autori indipendenti, imprese e utenti al continuo rischio di cause per azioni legali. Infatti, mentre la tutela del copyright prevede il rispetto di quanto espresso nella licenza di un software, e quindi l'eventuale plagio o copia del software stesso si configura come un atto malevolo intenzionale, nel caso del mancato rispetto di uno o più brevetti la situazione è molto diversa, dato che – per l'assenza di strumenti di ricerca efficaci per "navigare" il registro dei brevetti – il rischio di confusione è molto più alto, tanto che negli Stati Uniti, dove purtroppo il brevetto ha una storia ultradecennale, si parla addirittura di "campo minato".

La direttiva, di fatto, porterebbe a concedere il monopolio sullo sfruttamento delle idee, né più né meno come accadrebbe se venissero brevettati il giro armonico o il romanzo: addio musica, addio letteratura.

L'estensione della brevettabilità al software mira quindi a innalzare artificialmente le barriere di ingresso al settore ICT. In futuro, infatti, la scrittura del software non potrà più essere considerata solamente un'attività creativa, ma richiederà un lungo processo preventivo per verificare se le idee che si vogliono utilizzare per scrivere un programma (e potrebbero essere migliaia anche per il programma più semplice) violino o meno la "proprietà privata" di qualcun altro che quelle idee ha pensato – e potuto, visti i costi – brevettare. Idee che nella maggior parte dei casi sono assolutamente banali.

Occorre ricordare che fino a oggi la protezione del software attraverso il copyright ha permesso di mantenere delle basse barriere all'ingresso, e ha consentito a PMI e a singoli di accedere al mercato senza necessariamente disporre di ingenti capitali. Con il tipo di brevettabilità proposta dalla commissione, lo sviluppo del software si trasformerebbe in un business per pochi, come testimoniano le tristi esperienze statunitensi, su cui la stessa Federal Trade Commission ha espresso dubbi e perplessità.

Vista l'immaterialità del software e il numero spropositato di brevetti, soprattutto banali, concessi dai patent office, il violare un brevetto, anche senza intenzione, diventa per un programmatore una cosa praticamente inevitabile e quindi molto rischiosa. In USA, infatti, i costi giudiziari per una causa di violazione brevettuale, anche se non si è colpevoli, si aggirano fra i 500.000 e i 4.000.000 di dollari per singolo brevetto (e qualsiasi programma di una certa complessità può facilmente venire accusato di violarne decine). Questo spiega perché le PMI, in caso di contenzioso, anche solo per il rischio di aver per violato brevetti banali o relativi ad algoritmi e metodi di cui esistono realizzazioni precedenti alla data di accettazione del brevetto (la cosiddetta "prior art"), preferiscono pagare le royalties richieste senza affrontare il contenzioso o, nei casi in cui il detentore del brevetto non voglia risolvere la questione sul piano economico, interrompere l'uso del componente software oggetto del contendere.

I brevetti software, quindi, sono un danno per chiunque, perché riducono – o nei casi peggiori annullano – la possibilità di mettere sul mercato prodotti dotati di funzionalità già coperte dai brevetti stessi. Inoltre, se consideriamo la quantità di brevetti esistenti (più di 30.000 registrati solo in Europa, in barba alla legge), la loro genericità e la mancanza di strumenti efficaci per appurarne l'esistenza, la direttiva obbligherà a eliminare delle funzionalità da prodotti già in commercio:
- PostgreSql, il famoso DMS Open Source, dovrà adottare un sistema di caching meno performante in tutte le nuove versioni, per evitare il rischio di infrangere un brevetto attualmente "pending" (ovvero, ancora in attesa di registrazione da parte dell'ufficio brevetti statunitense);
- Microsoft dovrà eliminare dai sistemi operativi una nuova funzionalità di comunicazione che rende più veloci le comunicazioni via rete;
- L'adozione della quanto mai necessaria nuova versione del protocollo Internet IPv6 potrebbe essere rallentata dalla scoperta di un brevetto di Microsoft che riguarda una parte importante del protocollo stesso;

Se la piccola e pressoché sconosciuta Eolas dovesse vincere la causa intentata contro Microsoft per un banale meccanismo contenuto nei programmi per la navigazione Web, meccanismo che Eolas non ha certamente inventato ma ha furbescamente brevettato, l'intero universo del Web ne subirebbe delle gravi conseguenze.

Anche il multimediale e la telefonia Internet (VoIP) sono dei veri e propri campi minati dal punto di vista brevettuale (e si tratta di brevetti sempre molto astratti e dalle rivendicazioni sproporzionatamente ampie, poiché sono stati depositati con il preciso scopo non già di difendere l'innovazione ma di intralciarla, intercettando ricchezza).

Per concludere, il brevetto esteso ai formati, come nel caso dell'XML Microsoft, creerebbe una discriminazione tale per cui l'utente che deve accedere alle proprie informazioni – contenute in un formato proprietario – potrebbe vedersi costretto a pagare una royalty anche se volesse usare programmi alternativi. E questo, per la pubblica amministrazione, costituirebbe un fardello spropositato per la gestione di informazioni che, nella realtà, sono di proprietà dei cittadini stessi.





PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: Vola e fai volare con i gabbiani di OpenOffice.org: usalo, copialo e regalalo, è legale!



Collegamenti


Tags: brevetto  |  plio  |  software

 PREVIOUS MORE NEWS GO BACK NEXT 


[ Go Back ]

Latest News
Architecture Day 2018: Intel mostra il prototipo di un sistema con CPU Sunnycove

INNO3D annuncia le video card GeForce RTX 2080 e RTX 2070 iChiLL X3 Jekyll

Free VoIP & Messaging Utilities: Microsoft Skype 8.36.0.52 - Windows 10 Ready

MediaInfo 18.12 visualizza le proprietà dei file multimediali audio e video

Free Antivirus & Scanner Utilities: McAfee Stinger 12.1.0.2979 -Emotet-FHN Ready

Prime foto leaked della video card GeForce RTX 2060 OC di GIGABYTE

Internet Download Manager 6.32 build 2 semplifica il download dei file

GPU-Z 2.16.0 include una fix per le GPU Polaris e supporta la GeForce RTX 2060

AMD richiede la registrazione di un nuovo logo per le card Radeon RX Vega II?

Ridimensionare e convertire immagini e foto con FastStone Photo Resizer 3.9
more News 
Latest Utilities Latest Drivers
Microsoft Skype 8.36.0.52

MediaInfo 18.12

McAfee Stinger 12.1.0.2979

Internet Download Manager 6.32 b...

GPU-Z 2.16.0
more Utilities 
AMD Radeon Software Adrenalin Ed...

AMD Radeon Software Adrenalin Ed...

AMD Radeon Software Adrenalin Ed...

AMD Radeon Software Adrenalin Ed...

AMD Chipset Drivers 18.10.1018
more Drivers 
Latest Trailers Latest Screenshots
Far Cry New Dawn: Official World...

Assassin's Creed Odyssey: Legacy...

Just Cause 4: Deep Dive

HITMAN 2 - Official Live-Action ...

Battlefield V - Official Launch ...
more Trailers 
HITMAN 2 #2

Fear Effect Reinvented

World War 3

Red Dead Redemption 2 #2

Forza Horizon 4
more Screenshots 
Latest Demos Latest Patches
Metro Exodus: GeForce RTX Real-T...

FIFA 19 Demo

Cyberpunk 2077 - First Gameplay ...

GDC 2018 Tech Demo - NVIDIA RTX ...

Tomb Raider - Dagger of Xian dem...
more Demos 
Gran Turismo Sport - Patch 1.11

Rise of the Tomb Raider & AMD Ry...

Mass Effect: Andromeda Patch 1.06

DOOM Update #2

Rise of the Tomb Raider PC Patch...
more Patches 

Advertising
Help

Search 3dfxzone.it
Search network
Search with tags
Sitemap
Translator

Other Services

Feed RSS
 
 
 
Print This
About us
Our History

Contact Us

User Support
Advertising
Partnership
Banner Exchange
Webmaster
Main menu

Our Network
3dfxzone.it
AMDZone.it
ATIZone.it
HWSetup.it
ForumZone.it
NVIDIAZone.it
UnixZone.it
Hosted Sites
KoolSmoky Home
Rosario Gallery
 
Sitemap    |    Translator    |    Old News Archive    |    Links    |    Contact Us    |    Legal Notes    |    Privacy    |    Cookie Policy
 
On line since Q1 2001    |    Web Application and Contents © 3dfxzone.it    |    All Rights Reserved